Economia

Autonoleggio, Federconsumatori: aumenti nell’ordine del 65%

11/5/2022

Si sta avvicinando la stagione estiva e molti cittadini hanno cominciato a pianificare le vacanze, così da approfittare delle offerte più vantaggiose e rientrare nel budget disponibile, sempre più ristretto. Nessuno, infatti, vorrebbe rinunciare a qualche giorno di relax, ma ad intralciare i programmi delle famiglie concorrono i rincari: non solo quelli dei costi energetici e dei carburanti, anche il noleggio auto non frena la sua corsa. L’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, dopo aver già rivelato forti aumenti lo scorso anno, è tornata ad aggiornare il monitoraggio dei costi del noleggio auto presso le principali mete turistiche, sollecitata anche da molte segnalazioni inviate dai cittadini che denunciavano aumenti incredibili. Nella settimana dal 20 al 26 giugno, il noleggio di un’automobile (utilitaria di media grandezza a benzina) senza assicurazione supplementare e accessori, costa 634,52 Euro, circa il 67% in più rispetto al prezzo registrato nella stessa settimana di giugno del 2021 a questo si aggiunge il contemporaneo aumento del prezzo del carburante dovuto alla crisi bellica e aggravato dalle speculazioni in atto. Guardando i dati nel dettaglio emerge che i costi più elevati vengono applicati a Bari, Palermo, Catania, Olbia ed Alghero, mentre i rincari maggiori si hanno presso le stazioni e gli aeroporti di Milano, Torino, Roma e Napoli (con aumenti anche del 100% rispetto a giugno 2021). A fronte di questi incredibili rincari invieremo una ulteriore segnalazione all’AGCM e all’ART, invitandole ad approfondire le ragioni e le dinamiche di tali sproporzionati prezzi e ad intervenire per limitare le speculazioni in atto, che gravano sulle famiglie e danneggiano un settore, quello del turismo, già fortemente compromesso dalla pandemia.
Allegato