Economia

Autonomi occasionali: nuove disposizioni dell’ispettorato del lavoro

20/1/2022

l’Ispettorato Nazionale del Lavoro con la circolare n. 29 dell’ 11 gennaio 2022 (vedi allegato), ha fornito le prime indicazioni operative relativamente all’obbligo di comunicazione dei lavoratori autonomi occasionali. È quanto si legge in una nlota della Cgia. L’obbligo di comunicazione all’Ispettorato Nazionale del Lavoro interessa esclusivamente i committenti che operano in qualità di imprenditori e si avvalgono di questi lavoratori autonomi occasionali. I requisiti che caratterizzano il lavoro autonomo occasionale sono: l’autonomia, in relazione alle modalità e ai tempi di svolgimento del servizio o di realizzazione dell’opera; l’occasionalità dell’attività svolta o realizzata; il mancato inserimento nell’organizzazione dell’azienda per la quale si svolge il lavoro; l’assenza del vincolo di subordinazione con il committente; la corresponsione di un corrispettivo. Semplificando, i lavoratori autonomi occasionali sono quelli che vengono pagati con la ritenuta d’acconto. Nei lavoratori autonomi occasionali NON sono inclusi i Co.Co.Co., le professioni intellettuali e i lavoratori intermediati da piattaforma digitale. La comunicazione andrà effettuata attraverso l’invio di una e-mail ad uno specifico indirizzo di posta elettronica messo a disposizione di ciascun Ispettorato territoriale (vedi elenco completo nelle ultime pagine dell’allegato a questa nota). La comunicazione, che potrà essere direttamente inserita nel corpo dell’e-mail, senza alcun allegato, dovrà avere i seguenti contenuti minimi, in assenza dei quali la comunicazione sarà considerata omessa: dati del committente e del prestatore; luogo della prestazione; sintetica descrizione dell’attività; data inizio prestazione e presumibile arco temporale entro il quale potrà considerarsi compiuta l’opera o il servizio (ad es. 1 giorno, una settimana, un mese). Nell’ipotesi in cui l’opera o il servizio non sia compiuto nell’arco temporale indicato sarà necessario effettuare una nuova comunicazione. N.B. – Dato obbligatorio è altresì quello relativo all’ammontare del compenso, qualora stabilito al momento dell’incarico. La circolare dell’Istituto Nazionale del Lavoro specifica che la comunicazione, per tutti i rapporti di lavoro in essere alla data di emanazione della presente nota, nonché per i rapporti iniziati a decorrere dal 21 dicembre 2021 e già cessati, stante l’assenza di indicazioni al riguardo, andrà effettuata entro il 18 gennaio 2022 compreso; la comunicazione, per i rapporti avviati successivamente al giorno 11 gennaio 2022, andrà effettuata prima dell’inizio della prestazione del lavoratore autonomo occasionale, eventualmente risultante dalla lettera di incarico. La comunicazione richiama inoltre le sanzioni: prevede che “in caso di violazione dell’obbligo dell’inoltro della comunicazione si applica la sanzione amministrativa da euro 500 a euro 2.500 in relazione a ciascun lavoratore autonomo occasionale per cui è stata omessa o ritardata la comunicazione. Non si applica la procedura di diffida di cui all’articolo 13 del decreto legislativo 23 aprile 2004, n. 124”.
Allegato